Il punto di vista giuridico nella violenza domestica

Si chiude oggi il convegno "Violenza maschile nelle relazioni intime"

Ultimo appuntamento, questa mattina, 8 aprile, nell’ambito dei 6 incontri – organizzati dalle associazioni: “femminile maschile plurale” e “dalla parte dei minori” – per discutere di “Violenza maschile nelle relazioni intime” e di esperienze di accompagnamento al cambiamento. Giornata, quella di oggi, tutta dedicata ad approfondire il “punto di vista giuridico nella violenza domestica”, sulla scorta delle relazioni di Donatella Donati, giudice del Tribunale dei minorenni di Bologna e Manuela Liverani, avvocata del foro di Ravenna con un passato di ufficio legislativo presso “Telefono Azzurro” e di direzione del centro “Giorgio Fregosi” della Provincia di Roma, per l’accoglienza e l’assistenza ai bambini vittime di violenza.

Un interessante momento di riflessione alla luce dei nuovi sviluppi legislativi, approvati dal Parlamento, lo scorso 15 ottobre 2013, che inserendo nuove norme per il contrasto della violenza di genere, inasprendo le pene con l’obiettivo di prevenire il femminicidio e proteggere le vittime, hanno di fatto modificato assetti giurisdizionali, prassi e comportamenti consolidati che vanno, ora, aggiornati e ripensati pena una regressione nelle decisioni e una aleatorietà nell’incardinamento di taluni tribunali e nelle competenze degli stessi. Al dibattito, coordinato e moderato dall’avvocata Monica Miserocchi, del direttivo dell’associazione “Dalla parte dei minori”, parteciperà l’assessora alle pari opportunità del Comune di Ravenna, Giovanna Piaia che ha “sponsorizzato” il ciclo di conferenze di cui, quella di oggi, è la parte conclusiva.

Alle volte uno si crede incompleto ed è soltanto giovane.